• Favoriten
  • In Entwicklung (-_-;)
  • Kontaktformular

    Sind Sie auf einen Fehler gestossen? Oder haben Sie eine Idee für zukünftige Funktionen? Gerne nehmen wir Ihr Feedback auf. Herzlichen Dank!

    Sie können optional Ihre Email-Adresse für allfällige Rückfragen angeben. Diesfalls stimmen Sie einer entsprechenden Bearbeitung dieser persönlichen Daten für den vorliegenden Zweck zu.

    Neben Ihrer Nachricht wird die aktuelle URL, Zeit und Datum der Nachricht sowie eine generische Information zur Art des genutzten Browsers mitgeschickt (bspw. "Chrome"). Die IP-Adresse oder sonstige Informationen werden nicht übermittelt oder gespeichert.

    Es sei im Weiteren auf die aktuelle Datenschutzerklärung verwiesen.

    Meine Elemente [/]

    Text vorbereiten...

    221.214.11

    Ordinanza concernente la legge sul credito al consumo

    (OLCC)

    del 6 novembre 2002 (Stato 1° luglio 2021)

    Il Consiglio federale svizzero,

    visti gli articoli 14, 23 capoverso 3 e 40 capoverso 3 della legge federale del 23 marzo 20011 sul credito al consumo (LCC); visti gli articoli 8 capoversi 1 e 4, nonché 47 capoverso 2 della legge federale del 21 marzo 19972 sull’organizzazione del Governo e dell’Amministrazione,3

    ordina:

    1 RS 221.214.1

    2 RS 172.010

    3 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 19 mag. 2021, in vigore dal 1° lug. 2021 (RU 2021 319).

    Sezione 1: Tasso d’interesse massimo

    Art. 14

    1 Il valore massimo del tasso d’interesse di cui all’articolo 9 capoverso 2 lettera b LCC (tasso d’interesse massimo) è ottenuto aggiungendo:

    a.
    al Saron composto a tre mesi (SAR3MC);
    b.
    un supplemento di 10 punti percentuali.

    2 Il valore risultante secondo il capoverso 1 è arrotondato per difetto o per eccesso secondo le regole dell’arrotondamento commerciale. Il tasso d’interesse massimo ammonta almeno al 10 per cento.

    3 Per crediti sotto forma di anticipo su conto corrente e carte di credito o carte-cliente con opzione di credito, al SAR3MC sono aggiunti 12 punti percentuali. In questi casi il tasso d’interesse massimo ammonta almeno al 12 per cento.

    4 Il Dipartimento federale di giustizia e polizia verifica almeno una volta all’anno il tasso d’interesse massimo e se necessario lo adegua.

    4 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 19 mag. 2021, in vigore dal 1° lug. 2021 (RU 2021 319).

    Sezione 2: Centrale d’informazione per il credito al consumo

    Art. 2 Organizzazione

    1 La Centrale d’informazione per il credito al consumo prevista nell’articolo 23 capoverso 1 LCC (Centrale d’informazione) può avvalersi di terzi per adempiere i propri compiti, purché si tratti di un’assistenza di natura tecnica, in particolare dell’approntamento delle infrastrutture necessarie.5

    2 Essa è responsabile del comportamento dei terzi di cui si è avvalsa.

    5 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 23 nov. 2005, in vigore dal 1° mar. 2006 (RU 2006 95).

    Art. 36 Sistema d’informazione sui crediti al consumo

    1 La Centrale d’informazione gestisce un sistema d’informazione sui crediti al consumo. Nell’allegato sono elencati i dati personali contenuti nel sistema d’infor­mazione e le categorie di persone legittimate ad accedervi nonché sono fissati l’estensione dell’accesso e il diritto al trattamento dei dati.

    2 La Centrale d’informazione può parimenti mettere a disposizione dei creditori professionali e degli intermediari di crediti partecipativi mediante una procedura di richiamo in linea i dati personali da essa trattati.

    3 Nel sistema d’informazione possono essere messi a disposizione soltanto i dati per­sonali di cui i creditori professionali e gli intermediari di crediti partecipativi necessitano per l’esame della capacità creditizia ai sensi degli articoli 28–30 LCC. I dati personali possono essere trattati soltanto a tal fine.

    4 La Centrale d’informazione è responsabile del sistema d’informazione. Essa tiene un elenco dei creditori e degli intermediari di crediti partecipativi legittimati ad av­valersi della procedura di richiamo e l’aggiorna costantemente. L’elenco è a disposizione del pubblico.

    6 Nuovo testo giusta il n. II 2 dell’O del 30 nov. 2018, in vigore dal 1° apr. 2019 (RU 2018 5229).

    Art. 3a7 Vigilanza

    1 L’Ufficio federale di giustizia esercita la vigilanza sulla Centrale d’informazione.

    2 Ha in particolare le seguenti competenze:

    a.
    approvare gli statuti della Centrale d’informazione (art. 23 cpv. 2 LCC);
    b.
    emanare istruzioni e raccomandazioni destinate alla Centrale d’informazione;
    c.
    approvare il rapporto d’attività annuale della Centrale d’informazione;
    d.
    svolgere ispezioni presso la Centrale d’informazione.

    3 Redige un piano per l’esercizio della sua vigilanza.

    4 Collabora con l’Incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza per quanto concerne gli obblighi di vigilanza di quest’ultimo secondo il diritto in materia di protezione dei dati (art. 23 cpv. 4 LCC).

    7 Introdotto dal n. I dell’O del 19 mag. 2021, in vigore dal 1° lug. 2021 (RU 2021 319).

    Sezione 3: Condizioni di rilascio dell’autorizzazione alla concessione e alla mediazione di crediti

    Art. 4 Condizioni personali

    1 Il richiedente deve godere di una buona reputazione e offrire garanzie per un’atti­vità ineccepibile.

    2 Egli non deve aver subito condanne nel corso degli ultimi cinque anni per reati che hanno un nesso con l’attività soggetta ad autorizzazione.

    3 Il richiedente non deve essere gravato da attestati di carenza di beni.

    Art. 5 Condizioni economiche

    1 Il richiedente che intende concedere crediti al consumo deve disporre di un capitale proprio corrispondente all’8 per cento dei crediti non ancora rimborsati, ma pari ad almeno 250 000 franchi.

    2 Se il richiedente è una persona fisica, il suo patrimonio netto sostituisce il capitale proprio.

    Art. 68 Requisiti professionali

    1 Chi intende esercitare l’attività di creditore deve disporre:

    a.
    di una formazione commerciale di base ai sensi della legge federale del 13 dicembre 20029 sulla formazione professionale o una formazione equivalente; e
    b.
    di almeno tre anni di esperienza professionale nel campo dei servizi finanziari.

    2 Chi intende esercitare l’attività d’intermediario di credito deve disporre di almeno tre anni di esperienza professionale nel campo dei servizi finanziari o in un altro campo paragonabile.

    8 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 23 nov. 2005, in vigore dal 1° mar. 2006 (RU 2006 95).

    9 RS 412.10

    Art. 710 Assicurazione di responsabilità civile professionale e altre garanzie equiparate

    1 Chi intende concedere crediti od operare quale intermediario di crediti al consumo deve comprovare di disporre di un’assicurazione di responsabilità civile professionale adeguata per la durata dell’autorizzazione o di una garanzia equiparata.

    2 Le seguenti garanzie sono equiparate a un’assicurazione di responsabilità civile professionale:

    a.
    la fideiussione o la dichiarazione di garanzia di un istituto bancario o una copertura assicurativa equivalente;
    b.
    un conto bloccato presso una banca.

    3 La banca o l’istituto assicurativo deve disporre della necessaria autorizzazione rilasciata dalla competente autorità svizzera di vigilanza.

    10 Nuovo testo giusta il n. I dell’O del 23 nov. 2005, in vigore dal 1° mar. 2006 (RU 2006 95).

    Art. 7a11 Ammontare della garanzia

    1 Nel caso di un’assicurazione, la somma assicurata relativa ai sinistri di un anno riconducibili a una violazione della LCC ammonta a:

    a.
    500 000 franchi per la concessione di crediti al consumo;
    b.
      10 000 franchi per la mediazione di crediti al consumo;
    c.
    100 000 franchi per la mediazione di crediti al consumo partecipativi.

    2 Nella stessa misura deve impegnarsi anche il fideiussore o il garante.

    3 L’importo depositato sul conto bancario bloccato deve ammontare a:

    a.
    500 000 franchi per la concessione di credito al consumo;
    b.
      10 000 franchi per la mediazione di crediti al consumo;
    c.
    100 000 franchi per la mediazione di crediti al consumo partecipativi.

    11 Introdotto dal n. I dell’O del 23 nov. 2005 (RU 2006 95). Nuovo testo giusta il n. II 2 dell’O del 30 nov. 2018, in vigore dal 1° apr. 2019 (RU 2018 5229).

    Art. 7b12 Chiusura del conto bloccato

    1 La banca concede l’accesso al conto bloccato soltanto se:

    a.
    l’autorità di autorizzazione conferma che l’autorizzazione è scaduta da cinque anni; e
    b.
    non è pendente alcuna decisione giudiziaria che vieta alla banca la chiusura del conto bloccato.

    2 In caso di fallimento di chi intende concedere o intermediare credito al consumo il conto bloccato è devoluto nella massa del fallimento. Sono prima soddisfatti i crediti relativi alla LCC.

    12 Introdotto dal n. I dell’O del 23 nov. 2005, in vigore dal 1° mar. 2006 (RU 2006 95).

    Art. 8 Durata e revoca dell’autorizzazione

    1 L’autorizzazione è rilasciata per una durata di cinque anni.

    2 L’autorizzazione è revocata se:

    a.
    è stata rilasciata in base a indicazioni false;
    b.
    le condizioni di rilascio non sono più soddisfatte.
    Art. 8a13 Domande di persone giuridiche

    Se l’autorizzazione a esercitare l’attività di creditore o di intermediario di crediti al consumo è rilasciata a una persona giuridica, le persone responsabili della concessione o della mediazione del credito devono disporre dei necessari requisiti personali e professionali.

    13 Introdotto dal n. I dell’O del 23 nov. 2005, in vigore dal 1° mar. 2006 (RU 2006 95).

    Sezione 4: Disposizioni finali

    Art. 9 Disposizioni transitorie

    L’autorizzazione per la concessione e la mediazione di crediti a titolo professionale rilasciata prima dell’entrata in vigore della presente ordinanza scade al più tardi il 31 dicembre 2005.

    Art. 9a14 Disposizione transitoria

    In caso di modifica del tasso d’interesse massimo, per i contratti stipulati prima dell’entrata in vigore della modifica vale il tasso d’interesse massimo precedente.

    14 Introdotto dal n. I dell’O dell’11 dic. 2015, in vigore dal 1° lug. 2016 (RU 2016 273).

    Art. 11 Entrata in vigore

    1 Fatto salvo il capoverso 2, la presente ordinanza entra in vigore il 1° gennaio 2003.

    2 Gli articoli 4–9 entrano in vigore il 1° gennaio 2004.

    Allegato17

    17 Aggiornato dal n. II 2 dell’O del 30 nov. 2018, in vigore dal 1° apr. 2019 (RU 2018 5229).

    (art. 3 cpv. 1)

    Sistema d’informazione sui crediti al consumo: contenuto, estensione e autorizzazioni d’accesso

    Abbreviazioni e legenda

    Dati essenziali del consumatore:

    Cognome, nome,

    Data di nascita (giorno, mese, anno),

    Indirizzo (via con numero civico, numero d’avviamento postale, domicilio)

    Estensione dell’accesso

    a: consultare

    b: trattare (consultare, introdurre, correggere, cancellare)

    IKO Centrale d’informazione per il credito al consumo

    C1 Creditore professionale o intermediario di crediti partecipativi che concede o ha concesso un credito al consumo oppure fa o ha fatto da intermediario di un credito al consumo

    C2 Creditore professionale o intermediario di crediti partecipativi che chiede informazioni su crediti al consumo contratti da un consumatore, per esaminare la capacità creditizia

    Persone autorizzate ad accedere Dati personali

    IKO

    C1

    C2

    I. Crediti in contanti, contratti di pagamento rateale e facilitazioni finanziarie analoghe

    1.
    Dopo la conclusione del contratto:
    Dati essenziali del consumatore
    Forma di credito: crediti in contanti, contratti di pagamento rateale, facilitazioni finanziarie analoghe
    Inizio del contratto
    Numero di rate
    Importo lordo del credito, compresi gli interessi e le spese pattuite contrattualmente
    Scadenza del contratto (se pattuita contrattualmente)
    Ammontare delle rate (se pattuito contrattualmente)

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    a

    a

    2.
    In caso di mora:
    Dati essenziali del consumatore
    Inizio del contratto
    Importo del credito
    Notifica della mora
    Data di notifica della mora

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    II. Contratti di leasing

    1.
    Dopo la conclusione del contratto:
    Dati essenziali del consumatore
    Forma di credito: leasing
    Inizio del contratto
    Numero di rate
    Ammontare totale del leasing (calcolato in funzione della durata del contratto convenuta, senza valore residuo)
    Scadenza del contratto
    Ammontare delle rate mensili del leasing (senza eventuali importi versati al momento della conclusione del contratto)

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    a

    a

    2.
    In caso di mora:
    Dati essenziali del consumatore
    Inizio del contratto
    Importo del credito
    Notifica della mora
    Data di notifica della mora

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    III. Conti connessi a carte di credito o a carte-cliente con opzione di credito

    1.
    Prima notifica:
    Dati essenziali del consumatore
    Forma di credito: tipo di carta
    Inizio del contratto
    Data dell’obbligo di notifica per importi non rimborsati (giorno determinante del saldo)
    Importo non rimborsato (saldo)

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    2.
    Notifica ulteriore:
    Importo non rimborsato (saldo)
    Data (giorno determinante) della notifica ulteriore

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    IV. Crediti sotto forma di anticipo su conto corrente

    1.
    Prima notifica:
    Dati essenziali del consumatore
    Forma di credito: credito sotto forma di anticipo su conto corrente
    Data di riferimento del credito
    Data dell’obbligo di notifica per l’importo non rimborsato (giorno determinante del saldo)
    Importo non rimborsato (saldo)

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    a

    a

    a

    2.
    Notifica ulteriore:
    Importo non rimborsato (saldo)
    Data (giorno determinante) della notifica ulteriore

    b

    b

    b

    b

    a

    a

    WICHTIGER HINWEIS

    Die auf dieser Website abrufbaren Gesetze und Dokumente sind keine amtlichen Veröffentlichungen. Massgebend sind allein die Veröffentlichungen durch die Bundeskanzlei. Siehe www.fedlex.admin.ch.

    In Bezug auf englische Sprachfassungen sei darauf hingewiesen, dass Englisch keine offizielle Amtssprache ist. Die englischen Übersetzungen der Erlasstexte dienen lediglich der generellen Information.

    Willkommen bei Omnius EasyReaderbeta

    Omnius EasyReader ist ein Tool für ein effizienteres Arbeiten mit Schweizer Bundeserlassen.

    Bitte beachten Sie, dass sich die Website in Entwicklung befindet und gegenwärtig in einer Beta-Version vorliegt. Es können entsprechend Fehler auftauchen oder die Website ist über gewisse Zeit nicht oder nur eingeschränkt verfügbar.

    Eine Übersicht zum Entwicklungsstand und den momentan verfügbaren Funktionen finden Sie hier.

    Die Website ist aktuell nicht vollständig für den Zugriff via Mobile-Geräte optimiert. Es wird daher empfohlen, die Website auf einem Laptop oder Desktop-PC aufzurufen.

    Es sei im Weiteren auf die Hinweise in den Nutzungsbedingungen verwiesen.

        Tour durch die Funktionen gefällig?